Calco del Pancione in Garze Gessate

Fasi della Tecnica Scultorea di realizzazione

 

FASE 1 – Preparazione

Prima di procedere con la posa delle garze gessate gessate bagnate, la pelle della pancia (o del busto intero) viene delicatamente massaggiata con olio bio di mandorle dolci pressate a freddo (di origine naturale, al contrario della vaselina che è un prodotto derivato dal petrolio). Questo strato di olio – nutriente ed elasticizzante per la pelle, soprattutto per quella della pancia già sollecitata dalla gravidanza – consente di creare una barriera fra la pelle e le garze gessate che, seppur non tossiche, devono potersi staccare facilmente dal corpo una volta asciugate. (tempi di asciugatura per il distacco 20/30 minuti).

 

Calco in garze gessate, busto intero.

FASE 2 – Posa delle garze gessate

Le garze gessate utilizzate sono atossiche e conformi alla pelle umana, possono avere una larghezza di 10 o 20 cm. Vengono immerse velocemente in acqua e stese delicatamente sulla pelle in modo molto preciso (seguo un mio schema di posa che conferisce più stabilità e resistenza alla delicata struttura che si sta creando). Vengono necessariamente applicati più strati sovrapposti di garze, per conferire uno spessore utile alle lavorazioni successive. I tempi di posa vanno dai 30 ai 45 minuti (calco della sola pancia o calco del busto intero), a cui si aggiungono circa 15 minuti se si desidera inglobare anche le mani della mamma. Dopo 20/30 minuti si distacca il calco: si ottiene in questo modo il calco “grezzo” di base, che asciuga completamente in 24/48 ore.

 

 

 

 

 

FASE 3 – Rinforzo Strutturale e Rifinitura

Ad asciugatura completa del calco “grezzo” si procede con una sagomatura minima del contorno e in seguito con il rinforzo strutturale/rifinitura a base di gesso (gesso ceramico extraduro, non scagliola), in più strati sottili e successivi che prevedono tempi intermedi di asciugatura. L’ultimo strato di gesso viene levigato finemente in modo da ottenere una superficie liscia e uniforme, come la pelle umana. La fase di rinforzo/rifinitura la ritengo assolutamente necessaria poiché permette di dare non solo un aspetto liscio e uniforme, esteticamente migliore rispetto alla ruvidità superficiale delle garze, ma consente di dare struttura, sostegno e rinforzo all’intero calco in modo che duri davvero nel tempo. Sconsiglio sempre la decorazione direttamente sul calco grezzo: le garze, se non trattate, nel tempo perdono compattezza, il gesso si polverizza e il calco si deforma (anche solo a causa dell’umidità naturalmente presente nell’aria e che viene assorbita dal gesso). Un’altro vantaggio importante della rifinitura che eseguo è che consente di fare del calco un’ottima base pronta a ricevere qualsivoglia decorazione. Il materiale di base è il gesso, levigato fine, al quale aggiungo però altri materiali e seguo procedure particolari di mia tecnica collaudata (mi consentono di creare opere sottili ma solide allo stesso tempo e con un certo grado di flessibilità che impedisce nel tempo la formazione di crepe interne). Il vostro calco DEVE durare nel tempo, non avrebbe senso altrimenti. Le cose vanno fatte col cuore e….a regola d’arte!

Una precisazione importante: non modifico la forma naturale della pancia o del busto (effettuo solo un minimo di sagomatura del contorno), come avviene invece ad esempio per i calchi rovesciati a “ciotola” che personalmente non amo, semplicemente perché trovo riduttivo considerare il calco come una sorta di “contenitore” qualunque. Sfato anche il mito del calco/culla, un neonato ha fisiologicamente bisogno di stendere la colonna vertebrale durante il sonno. Al calco non va attribuita una funzione, deve essere ammirato per l’opera che è e per ciò che ricorda e comunica.

Calco pronto da decorare.

FASE 4 – Decorazione

La decorazione (generalmente pittura) è, assieme alla posa delle garze gessate, la fase più significativa ed emozionante. Ascolto molto la mamma: parlare con te delle tue emozioni e di “chi sei” mi permetterà di aprire la porta della mia sensibilità, potrò così intuire il disegno più adatto a voi (a te ed al tuo bambino). Questo per me è fondamentale, anche se hai già in mente un’idea. Non lascio nulla al caso. Sono sicura di ciò che faccio e mi confronterò con te per rendere il tuo calco il massimo del realizzabile, come tuo desiderio, in un’opera unica e irripetibile. E’ possibile l’applicazione di materiali decorativi diversi (dalla stoffa alle conchiglie, dal mosaico agli inserti in metallo). Il calco può prevedere anche un disegno traforato. Le idee sono infinite! Al termine di qualunque tipo di decorazione verrà applicato uno strato di isolante protettivo finale (opaco o lucido).

Desirèe Prada